Pasta alla Norma

Pasta alla Norma 

Sembra che questo piatto sia stato battezzato dal commediografo catanese Nino Martoglio che, ammaliato dal profumo e dalla bontà del piatto, avrebbe esclamato: “Chista è ‘na vera Norma!”. Il riferimento è alla “Norma”, celebre opera del compositore Vincenzo Bellini, conterraneo del commediografo e della pasta.

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONA
UNA MELANZANA MEDIA

UNA BOTTIGLIA DI PASSATA DI CIIEGINO O DATTERINO
RICOTTA SALATA
BASILICO
UN QUARTO DI CIPOLLA
OLIO DI SEMI
OLIO DI OLIVA
SALE
320 GRAMMI DI PASTA CORTA (CONSIGLIAMO: MACCHERONI , RIGATONI, MEZZE MANICHE, CASERECCE)

PREPARAZIONE

Per prima cosa lavate le melanzane, eliminate le estremità e fatele a cubetti di circa 1cm e mezzo.

Scaldate un tegame dai bordi alti e, in abbondante olio di semi ben caldo, friggete i cubetti di melanzana preparati precedentemente. Le melanzane saranno pronte non appena le vedrete dorate.

Successivamente togliete le melanzane dal tegame e ponetele in un piatto con della carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso. Nella stessa padella in cui avete fritto le melanzane potrete iniziare a preparare il sugo di pomodoro. Dunque eliminate l’olio e pulite la padella con la carte assorbente facendo attenzione a non bruciarvi (la scelta di utilizzare la stella padella è per conferire al sugo un sapore più intenso, se preferite potete usarne un’altra). Tagliate quindi un quarto di cipolla molto finemente fatela soffriggere con un filo di olio di olio e quando sarà appena dorata versate la passata di pomodoro ciliegino o datterino con un pizzico di sale e le melanzane precedentemente fritte.

Fate cuocere per circa 15 minuti con il coperchio, mescolando con un cucchiaio di legno di tanto in tanto e se il sugo dovesse risultare un po’ asciutto versate un goccio di acqua bollente (nel frattempo avrete messo la pentola a bollire) al fine di renderla più “ cremosa”. Trascorso il quarto d’ora spegnete il fuoco, scolate la pasta – *ATTENZIONE L’ACQUA DI COTTURA NON VA SALATA- e versatela nella padella con il sugo. Mescolate bene e impiattate. Guarnite con due foglie di basilico e un’abbondante manciata di *ricotta salata. In commercio trovate nel banco frigo anche la ricotta salata già in scaglie o se preferite la ricotta in pezzo singolo che ridurrete in scaglie con una grattugia. Ps: a proposito della melanzana, è possibile provarla anche nella variante a sottili fette verticali da aggiungere (fritte, naturalmente) sul piatto successivamente al sugo di ciliegino o datterino ma noi la troviamo meno pratica per assaporarla!

BUON APPETITO!

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *