enogastronomia

 

Enogastronomia nel Val di Noto

 

«Noi siciliani siamo gente piuttosto impegnativa: pensa alla caponata, un piatto unico che è una mescolanza di mille sapori. Non è significativo?»

Carmen Consoli

 

La cucina siciliana è quanto di più colorato, profumato e gustoso possa offrire la nostra terra ed è strettamente legata alle vicende storiche, culturali e religiose dell’isola. Sin dai tempi dell’Antica Grecia in Sicilia si andava sviluppando uno stile ben preciso di abitudini culinarie che col passare dei secoli si è arricchito di nuovi sapori e di nuove pietanze, seguendo le sue vicissitudini storiche.

L’elemento che rende unica la cucina siciliana è la commistione di culture e tradizioni che si sono succedute nell’isola negli ultimi due millenni e le sue ricette, tramandate di generazione in generazione sono tutt’oggi preparate e servite a tavola con frequenza. Greci, Bizantini, Arabi e Normanni hanno contributo appunto ad arricchire la cucina siciliana con l’apporto di prodotti o ricette che l’hanno resa unica nei secoli.

Arance, cannella, fichidindia, canditi, pasta reale sono solo alcuni esempi dell’apporto arabo in Sicilia; anche la cassata, dolce simbolo della Sicilia, è il risultato della fusione della cultura romana e araba (il nome forse deriva dall’arabo qas’at, scodella grande e profonda).

Nonostante nell’insieme il carattere alimentare di tale cucina risulti unificato, una sua caratteristica è quella di avere per ciascun territorio delle pietanze circoscritte a quella determinata area, per cui la stessa ricetta diventa quasi introvabile spostandosi in un’altra zona dell’isola; dunque è lecito parlare di una vera e propria divisione culinaria tra Sicilia Occidentale, Centrale e Orientale.

Il Val di Noto, nella Sicilia sud-orientale vanta dei prodotti di grande qualità e sapore: il tonno e i suoi derivati, il pomodoro Pachino, la mandorla di Avola, il limone femminello di Siracusa, la fragola di Cassibile, le olive e l’olio dei monti Iblei, il pistacchio di Bronte, il caciocavallo ragusano, le carote di Ispica, il cioccolato di Modica le fave utilizzate nella preparazione del “macco” e moltissimi altri.

Altri cibi noti e diffusi non solo a livello regionale ma addirittura mondiale, sono gli iris, il cannolo siciliano, la granita e gli arancini. Il clima mite dell’isola favorisce la presenza di spezie e piante aromatiche quali origano, menta, rosmarino che fanno quotidianamente parte dei condimenti siculi.

In basso troverai le ricette della tradizione siciliana del Val di Noto.

Adesso tocca a voi! Buon appetito!